Castiglione e Campo Catino

Castiglione

Piccolissima ma amena frazione, eredita un passato ricco di storia. Sicuramente l'etimo del nome viene dal latino medioevale " Castiglionem", che significa che doveva essere, nel medioevo, un grosso borgo cintato di mura, anche se ritrovamenti archeologici fanno pensare ad origini ben più antiche, riconducibili al periodo romano.

Campo Catino

Lungo la strada provinciale denominata " Marsico-Sannitica" che conduce nella valle Peligna, a circa 2 km, sul lato destro diparte una pedonale ghiaiosa la quale s'inerpica sul costone della montagna e con ampi tornanti e con non poca fatica ci conduce alla scoperta del cosiddetto " Vallone di S.Giorgio".

Si tratta di un ampio e profondo vallone a tratti ricoperto di verdi conifere, formatosi in migliaia di anni sicuramente a causa dell'erosione dell'acqua e vento. Difatti è ben visibile a valle, all'altezza della frazione di Castiglione, un gigantesco accumulo di arenaria di riporto.

Proseguendo oltre, la strada diventa più agevole e dopo aver attraversato una stretta gola si apre ad una verde vallata chiamata " Campo Catino". Con un'ultima fatica risalendo l'agevole costone di montagna posto a sud possiamo non perderci di ammirare, da quota 1600 m d'altitudine, l'intero paesaggio della vallata del Giovenco e quindi del territorio del Comune di Ortona.

 A cura di Remo de Matteis

Articolo gentilmente concesso dal sito: www.comune.ortona.aq.it